Lo zenzero come antibiotico naturale

L’arrivo delle stagioni fredde comporta l’insorgere inevitabile di malattie influenzali varie, nonché dei fastidiosi sintomi del raffreddore e della tosse. La risoluzione a tali problematiche risulta essere legata all’assunzione di medicinali antibiotici, siano essi di origine naturale o meno. Tra i numerosi più utilizzati vi è sicuramente lo zenzero, sia nella sua forma più pura, che come miscela di altri ingredienti, il cui composto prende il nome di “bomba” e sembrerebbe essere particolarmente efficace nel combattere l’influenza ed i relativi sintomi.

In questo articolo ci occuperemo dell’utilizzo dello zenzero come antibiotico naturale e vi indicheremo il modo più corretto di assumerlo.

Zenzero come antibiotico: proprietà e benefici

Lo zenzero è conosciuto ed utilizzato sin dai tempi più antichi come spezia, soprattutto nei paesi orientali in cui è nato e si è sviluppato. La pianta si è diffusa in particolar modo per le proprietà benefiche di cui è dotata, sia essa consumata cruda, essiccata, in polvere o sotto forma di medicinale. I composti presenti al suo interno (in particolare il gingerolo e lo shogaolo) e le varie sostanze nutritive sono in grado di trasmettere al corpo ed alla mente una serie di benefici.

zenzero come antibiotico naturale

Ognuna delle proprietà terapeutiche di cui lo zenzero è dotato deriva dal rizoma presente al suo interno che gli offre una serie di caratteristiche curative. Sono tanti e diversi gli studi che di recente sono stati in grado di dimostrare l’efficacia e la validità del consumo di zenzero per la risoluzione di determinate condizioni; grazie ad essi la pianta si è diffusa globalmente ed è tutt’oggi utilizzata nelle cucine di tutto il mondo ed impiegata nella realizzazione di medicinali ed erbe.

Riassumendo in breve ognuna delle proprietà di cui lo zenzero è dotato possiamo affermare che siano le seguenti: antinfiammatoria, analgesica, antiossidante, antibatterica ed antivirale, antitumorale, antiemetica, digestiva, antibiotico naturale ecc. Concentrandoci sull’ultimo aspetto possiamo elencare di seguito – entrando più nello specifico – le 6 proprietà antinfluenzali dello zenzero come antibiotico.

  • Rafforzamento delle difese immunitarie: se si sviluppano adeguatamente le difese immunitarie e le si rafforzano prima dell’arrivo della fredda stagione, è possibile prevenire i vari malanni. Lo zenzero è molto utile in tal senso perché permette all’organismo di funzionare in maniera ottimale ed aiuta ad espellere le varie sostanze nocive trattenute al suo interno.
  • Eliminazione di raffreddore e tosse: la radice di zenzero è dotata di numerose sostanze capaci di sciogliere la mucosa, liberando di conseguenza le vie respiratorie e permettendo a chi lo assume di migliorare o eliminare i sintomi del raffreddore e della tosse grassa.
  • Alleviamento del mal di gola: come accennato già precedentemente, lo zenzero è dotato di proprietà antinfiammatorie, per cui particolarmente abile nell’alleviare ed eliminare il mal di gola. Per far sì che ciò avvenga è sufficiente assumere un pezzo di radice fresca non appena si avvertono i sintomi, così da troncarne lo sviluppo ed evitare di peggiorare la situazione.
  • Inibizione di nausea e senso di vomito: lo zenzero di per sé è un ottimo antiemetico, capace di inibire il senso di vomito e di combattere quello di nausea, motivo per cui è particolarmente indicato ad individui in stato influenzale. Ciò è dovuto alle diverse sostanze presenti al suo interno che alleviano gli spasmi dello stomaco, favoriscono la digestione e migliorano lo stato generale dell’intestino.
  • Contributo nel riscaldamento corporeo: è risaputo che lo zenzero è caratterizzato da una nota piccante, offerta proprio dal gingerolo presente al suo interno. Grazie al suo effetto termogenico è infatti in grado di riscaldare il corpo, caratteristica molto rilevante per quanto riguarda gli stati febbrili e dunque in caso di influenza e malattie da raffreddamento. Innalzando la temperatura corporea, lo zenzero permette al corpo di sudare e di conseguenza di espellere le scorie e le tossine in eccesso.
  • Aiuto nell’eliminazione dei geloni: i geloni si manifestano principalmente in inverno sulle estremità del corpo, ma possono essere curati in diversi modi. Lo zenzero velocizza il processo di guarigione se lo si bolle e lo si pone sulla zona interessata o se lo si ingerisce. Nel caso specifico dei piedi è possibile, in alternativa, realizzare un pediluvio a base di zenzero: ciò è possibile ponendo la radice di zenzero grattugiata all’intero di una garza che viene poi sommersa all’interno dell’acqua calda.

Antibiotico bomba a base di zenzero

Vi è un composto realizzato con zenzero, curcuma, miele, peperoncino e limone noto come bomba che ha origini nella tradizione ayurvedica e che era particolarmente utilizzato nei decenni precedenti.

La realizzazione di questo composto permette di combattere i sintomi influenzali, quali: tosse, mal di gola, raffreddore e dolori alle ossa, nonché di depurare l’organismo e di favorirne la digestione. Per far sì che i risultati siano scontrabili e che la medicina risulti efficace è necessario assumere la bomba per una settimana, al mattino ed a stomaco vuoto, preferibilmente sciolta in una tazza di acqua calda; in alternativa è possibile spalmarla sul pane o mescolarla alla pasta.

La preparazione è estremamente semplice, in quanto è sufficiente mescolare i seguenti ingredienti: 1 cucchiaio di zenzero macinato, 1 cucchiaio di curcuma, 1 cucchiaio e mezzo di miele ed un pizzico di peperoncino. Quando il composto raggiunge una densità accettabile è possibile versarlo all’interno di una ciotola ed aggiungervi del limone.